Seguici sui social

Attualità

Coronavirus: condotte depenalizzate per chi viola le restrizioni domiciliari

Il mancato rispetto delle misure non costituisce più reato, ma soltanto illecito amministrativo. Cosa succede alle violazioni commesse anteriormente al decreto?

Pubblicato

il

Soldi Legge
foto: pxhere.com

Con il decreto-legge n. 19 del 25 marzo 2020, contente “misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19”, il Governo ha previsto una stretta sulle sanzioni pecuniarie amministrative che tuttavia sostituiscono le sanzioni contravvenzionali di carattere penale.

Il mancato rispetto delle misure non costituisce più reato, ma soltanto illecito amministrativo

Secondo il testo del decreto, “salvo che il fatto costituisca reato, il mancato rispetto delle misure di contenimento è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 400 a 3.000 euro e non si applicano le sanzioni contravvenzionali previste dall’articolo 650 del codice penale o da ogni altra disposizione di legge attributiva di poteri per ragioni di sanità”.

Il nuovo decreto, a livello sanzionatorio, introduce una semplice multa, al pari di quelle previste per la violazione delle regole del Codice della strada. Si tratta di una vera e propria depenalizzazione, in quanto il fatto sanzionato è lo stesso ma si sostituisce la sanzione penale con una amministrativa, che sembra essere più adeguata in termini di efficacia, incisività e semplicità. Pertanto, il trasgressore commettendo un illecito amministrativo, regolato sia dalla legge 24/11/1981 n. 689 che dal Codice della strada, potrà ricorrere avverso la sanzione amministrativa dinanzi al giudice di pace entro 30 giorni.

Cosa succede alle violazioni commesse anteriormente al decreto del 25 marzo 2020?

Secondo il testo del decreto, la sostituzione delle sanzioni penali con sanzioni amministrative si applica “anche alle violazioni commesse anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto, ma in tali casi le sanzioni amministrative sono applicate nella misura minima ridotta alla meta”. Insomma, ci sono ottime notizie per i trasgressori già denunciati, in quanto non solo pagheranno 200 euro al posto di 400, ma non saranno sottoposti a nessun procedimento penale. Inoltre, se il verbale verrà pagato entro 5 giorni dal ricevimento (che diventano 30 giorni se questo avviene fino al 31 maggio, come stabilito dal decreto Cura Italia) è prevista anche la riduzione dell’importo del 30%, con pagamento della sanzione di soli 140 euro.

Nato a Vico Equense il 26 Aprile 1990, è un giovane avvocato specializzato in diritto penale e tributario. Laureato in Giurisprudenza nel 2016 presso l’Università di Napoli Federico II, e nel 2019 in Management presso l’Università delle Camere di Commercio di Roma. Ambizioso, determinato, ed empatico nei rapporti umani, da sempre attivo nel campo del volontariato e della promozione sociale, schierato accanto dei più deboli per la tutela dei loro diritti. Inguaribile viaggiatore, amante dell’arte e del buon cibo italiano.

';

I più letti

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it