Seguici sui social

Cultura

“Così parlò Bellavista” e Nocera Inferiore, quella frase del film di Luciano De Crescenzo

“Lui tiene pure dei terreni, a Nocera…però Inferiore!”: la celebre battuta di Salvatore in un caposaldo del cinema napoletano

Pubblicato

il

La cultura contemporanea italiana perde un altro pezzo di enorme importanza. Quest’oggi se n’è andato Luciano De Crescenzo. Il celebre pezzo di storia della città partenopea si è spento a Roma all’età di 90 anni. Noi nocerini ricordiamo De Crescenzo anche per una celebre battuta di un vero caposaldo del cinema napoletano, “Così parlò Bellavista”, della quale vi proponiamo il video.

“Così parlò Bellavista”, quella battuta su Nocera Inferiore…

Il personaggio di Salvatore, il vice sostituto portiere interpretato da Benedetto Casillo, nominò infatti Nocera Inferiore nel corso del suo sproloquio su Bellavista, impersonato proprio da Luciano De Crescenzo: “Là abita Bellavista, lo conoscete? Eh, e lo dovete conoscere…un uomo eccezionale, dotto’! Professore di filosofia! Però adesso sta in pensione. Quando parla Bellavista, dotto’…è cassazione! È sposato con la signora Maria: ‘na bella femmena, ma difficile! Dotto’, difficile di carattere! E tengono una figlia, Patrizia…femmina pure lei. In realtà, Patrizia si chiamerebbe Aspasia…Aspasia, la femmina di Pericle, antico professore di latino! Io certi ccose v’e ddico, ma voi già le sapete…il nome Aspasia nun ce piaceva a Patrizia, e decise quindi di chiamarsi Patrizia! Professo’, è proprietario dell’appartamento in cui vive. Lui tiene pure dei terreni, a Nocera…però Inferiore! Sì, ‘e ttene, pe’ ‘e ttene’, dottore, però è come se non li avesse! ‘E chisti tiempe, cu’ ‘e tiempe che corrono, ‘o prufessore che fa, va a Nocera e dice “Contadini, ‘sti tterre so’ ‘e mmie”? No, quindi al massimo riesce a sceppa’ un paio di chili ‘e pummarola all’anne…“.

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, e nel 2018 in Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

Facebook

I più letti