Seguici sui social

Cronaca

Addio a Carlo Vanzina, ha raccontato l’Italia spensierata ed ironica

Le pellicole di Vanzina ci hanno fatto ridere e riflettere su quello che sono gli italiani. Non avevano nessuna presunzione, senza insegnare nulla descrivevano la semplicità del quotidiano, il linguaggio degli italiani, delle classi sociali.

Pubblicato

il

Carlo Vanzina regista
Foto: La Stampa

Se n’è andato il regista Carlo Vanzina. Un brutto male lo ha sconfitto a 67 anni.

Uno dei pochi che capiva l’Italia ed i suoi caratteri. Per lui oltre 40 anni di cinema, oltre 70 film e serie, in compagnia di suo fratello Enrico, che hanno segnato una generazione, quella del Belpaese spensierato, un po’ borghese che passava le vacanze invernali sulla neve a Cortina.
Regista, sceneggiatore, produttore televisivo e cinematografico,  figlio d’arte (suo padre è il regista Steno alias Stefano Vanzina), ha donato e contributio a creare la coppia Boldi-De Sica.Eccezzziunale..… veramente, Vacanze di Natale, Sapore di Mare, Vacanze di Natale del 2000 , Vacanze in America, Yuppies, Montecarlo Gran Casinò, I mitici, Febbre da cavallo – La mandrakata, Un’estate ai Caraibi sono alcuni dei film che ha diretto  ed altri titoli che hanno segnato la commedia italiana a cavallo tra gli anni ’80, ’90 e gli inizi del 2000.

Tantissime le collaborazioni, tra le quali Christian De Sica, Massimo Boldi, Jerry Calà, Paolo Villaggio, Massimo Ghini, Diego Abatantuono, Enrico Montesano, Renato Pozzetto, Gigi Proietti, Vincenzo Salemme.

Nella sua amata Roma, dov’era nato, ancora troppo giovane e nel pieno della maturità intellettuale, dopo una lotta lucida e coraggiosa contro la malattia – si legge nella nota della famiglia – ci ha lasciati il grande regista Carlo Vanzina amato da milioni di spettatori”.
Con i suoi film ha saputo “regalare allegria, umorismo e uno sguardo affettuoso per capire il nostro Paese“, hanno aggiunto i familiari.

Le pellicole di Vanzina ci hanno fatto ridere e riflettere su quello che sono gli italiani. Non avevano nessuna presunzione, senza insegnare nulla descrivevano la semplicità del quotidiano, il linguaggio degli italiani, delle classi sociali.

Che (piaccia o no il suo cinema) – si è letto su Twitter –  voleva semplicemente rivolgersi a un pubblico: non giudicarlo, esaminarlo, rieducarlo, redimerlo.

Iscritto all’Albo nazionale dell'Ordine dei Giornalisti, nato a Benevento il 19/11/1992. Dal 5 dicembre 2018 collabora con "Il Mattino". Addetto Stampa di numerosi eventi e manifestazioni, anche a carattere nazionale. Ha curato l’ufficio stampa di enti di formazione, sindacati, associazioni, politici. Dal 2008 nel campo della comunicazione, ha scritto per varie testate giornalistiche, quali “Corriere del Sannio”, “IlVaglio” e condotto il telegiornale per televisioni locali (ElleTv) e regionali (La6). Attualmente collabora con diversi giornali online: Emozioninrete, TeatrieCulture, PalcoscenicoinCampania, InfoSannioNews. Responsabile cultura di ASC Confcommercio. Componente della Proloco Samnium e dell'associazione giovanile "Thesaurus".

I più letti