Seguici sui social

Cronaca

È morto Alfonso Pepe: se ne va il re del panettone artigianale

Una grande perdita per la pasticceria italiana, con il maestro dei panettoni artigianali che se ne va all’età di 55 anni dopo una lunga malattia

Pubblicato

il

Alfonso Pepe Pasticciere
Foto: Repubblica.it
';

Grave lutto per la pasticceria italiana e non solo, è morto Alfonso Pepe. Se ne va il re del panettone artigianale, un maestro nel suo lavoro, tanto da essere riconosciuto anche a livello mondiale. Dopo una lunga malattia è scomparso all’età di 55 anni.

È morto Alfonso Pepe: lutto nella pasticceria italiana

Un vero e proprio punto di riferimento per chi è nel settore, quasi un’icona. Grazie alla sua grande passione, che lo ha portato a frequentare importanti corsi prestigiosi presso i più grandi, come Iginio Massari, si è fatto le ossa perfezionandosi sempre di più.

Il suo cavallo di battaglia è stato il tipico dolce natalizio, il panettone, dove non ha eguali, tanto da essere inserito nei migliori “10 Panettoni e Pandori artigianali d’Italia” per il Gambero Rosso. Il suo punto vendita situato a Sant’Egidio del Monte Albino nella provincia di Salerno, è La Mecca per gli amanti di questa prelibatezza.

Rispettato e ammirato oltre che per le sue doti culinarie, anche per il suo essere sempre sorridente e cordiale. Tutti lo ricordano come una bravissima persona che non si tirava mai indietro, sempre pronto a dare una mano. Una grande perdita, che ha scosso tutta la comunità salernitana e non solo.

È un giovane ammiratore del giornalismo in tutte le sue sfumature che prova a raccontare la verità delle cose nel migliore dei modi. Aspirante giornalista e scrittore di pensieri.

';

I più letti

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - zetanews.it@gmail.com - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it