Seguici sui social

Politica

“Manovra del Popolo” di Luigi Di Maio: Ecco i 4 punti fondamentali

Il vicepremier: “Non vince il governo, è la manovra del popolo”. E sullo spread: “Mercati capiranno, niente timori”

Pubblicato

il

Luigi Di Maio leader 5 Stelle
Foto: thesocialpost.it

Con questa manovra non vince il governo, ma i cittadini italiani: Riusciremo a fare il reddito di cittadinanza e a superare la legge Fornero“. Queste le parole del vicepremier Luigi Di Maio, dopo il Consiglio dei Ministri che ha approvato il Documento di economia e finanza (Def) con un Deficit/Pil del 2,4%.

Un risultato ritenuto molto importante soprattutto dagli esponenti del governo del Movimento 5Stelle. L’approvazione de Def è arrivato dopo una lunga diatriba con il ministro dell’economia Tria che avrebbe preferito mantenere l’indebitamento sotto alla soglia del 2%. Ma alla fine ad avere la meglio è stata l’asse gialloverde con la “quota Tria” superata.

“Manovra del Popolo”: ecco i 4 punti fondamentali di Luigi Di Maio

Il giorno dopo l’esultanza per l’approvazione della “Manovra del Popolo”, Luigi Di Maio ha affidato ai social alcune interessanti riflessioni con i 4 punti che per lui sono fondamentali: “Ce l’abbiamo fatta! Abbiamo portato a casa la Manovra Del Popolo! Reddito di Cittadinanza, pensione di cittadinanza, superamento della Fornero, risarcimento ai truffati delle banche. Oggi è cambiata l’Italia! Siate orgogliosi di essere italiani!”

Oggi ne ha illustrato i 4 punti fondamentali:

Reddito di Cittadinanza per 6,5 milioni di persone
Pensione di Cittadinanza: pensione minima a 780 euro
Superamento della Fornero: diritto alla pensione e 400 mila posti di lavoro in più per i giovani
Fondo truffati dalle banche: 1,5 miliardi per i risarcimenti

Nella mattinata di oggi Di Maio ha voluto aggiungere: “Con la Manovra del Popolo stiamo mantenendo le promesse fatte! Ieri dicevano che era impossibile. Oggi dicono che non si doveva fare. Domani rimarranno in silenzio. Orgoglioso del lavoro che stiamo facendo per il popolo italiano”.

I più letti