Seguici sui social

Cronaca

Treviso, si getta dal ponte di Vidor col figlio: lei muore, bimbo in fin di vita

La donna era uscita di casa verso le 20 di ieri sera, facendo perdere le sue tracce

Pubblicato

il

Ambulanza del 118

Tragedia in provincia di Treviso. Una donna di 31 anni è morta dopo essersi gettata dal ponte di Vidor con in braccio il figlio di un anno e mezzo. La giovane sarebbe morta sul colpo mentre il piccolo è stato trovato dai soccorritori ancora vivo ma in condizioni disperate.

La donna, residente a Vedelago (Treviso), era uscita di casa verso le 20 di ieri sera, facendo perdere le sue tracce. Secondo le prime informazioni, la 31enne pare soffrisse di una forma depressiva, e per questo era in cura presso un centro specializzato. Era uscita di casa per recarsi in visita ai genitori, a Caerano San Marco. Non vedendola arrivare, i familiari hanno prima chiamato il marito della figlia, per sapere se aveva sue notizie, e poi hanno allertato i carabinieri.

Scattato l’allarme, i militari hanno trovato l’auto della 31enne, vuota, nei pressi del ponte sul Piave, a Vidor, alto una quindicina di metri. Poco dopo gli stessi carabinieri si sono accorti di alcune sagome lungo la superficie del fiume. Immediato l’intervento dei Vigili del fuoco che hanno cercato di recuperare i corpi della donna e del piccolo attraverso un’autogrù. Calandosi sul greto, i caschi rossi hanno raggiunto il corpo della 31enne, e il bimbo, sopravvissuto, ma gravissimo.

Il piccolo è stato imbragato e portato in superficie, sul piano stradale, dove i medici hanno subito disposto il trasporto d’urgenza all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso. Presenta diverse politraumi; è grave. Ora i sanitari stanno lottando per salvarlo.

Notizie Flash

';

I più letti

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it