Seguici sui social

Cinema

Chi muore in Avengers Endgame? Ecco la nostra teoria

La brillante campagna marketing dei Marvel Studios accresce l’attesa per Avengers Endagme, in sala dal 24 Aprile. Proviamo a ipotizzare chi ci lascerà

Pubblicato

il

avengers endgame
fonte: Empire

Ieri, 2 Aprile 2019, sono state ufficialmente aperte le prevendite per Avengers Endgame. Il film sarà disponibile nelle nostre sale dal 24 Aprile 2019.

Il The Space Salerno ha lanciato, inoltre, una prevendita extra per guardare il film in anteprima. Per esattezza nella notte tra il 23 e il 24 Aprile, offrendo al pubblico una maratona con la proiezione di Avengers Infinity War prima e il tanto atteso Avengers Endgame alla mezzanotte.

Sì, ma chi morirà in Avengers Endgame? Ecco la nostra teoria.

Il collegamento tra Infinity War e Endgame

È proprio dagli eventi di Avengers Infinity War, uscito nelle sale lo scorso anno, ritroveremo i nostri eroi della Marvel. Captain America, Iron Man, Thor e gli altri hanno perso. Dalle prime clip, distribuite con parsimonia e tanto hype da parte dei fan, si respira infatti quello che sarà un film che si incentrerà sul riscatto dell’eroe.

Da una parte abbiamo Iron Man, fulcro centrale del Marvel Cinematic Universe, primo super-eroe ad avere uno stand-alone nell’universo cinematografico che nel 2008 ha dato via a film di puro intrattenimento che hanno riscosso i favori di critica e pubblico.

Iron Man: il cuore pulsante dell’MCU

Tony Stark, interpretato da Robert Downey Jr. è uno dei personaggi più amati dai fan, ragion per cui potrebbe abbandonarci. Il genio multimiliardario playboy filantropo ha affrontato faccia a faccia il titano Thanos, evidenziando il dislivello dei super-eroi provenienti dalla Terra in confronto al villain dotato delle 6 gemme dell’infinito.

Come dice Cap in Infinity War: “La terra ha perso il suo miglior difensore”. Ed è proprio sulla terra che dovrà tornare Iron Man, lasciato con Nebula sul finale dello scorso capitolo.

Dai trailer si vede un abbraccio con Pepper, si attende con fervore come si riconcilierà con l’amico/rivale Steve Rogers (visti gli eventi di Captain America Civil War) e si ci aspetta vendetta e rammarico. Significativa, infatti, è una scena rilasciata nel clip dedicato all’annuncio dell’apertura delle prevendite in cui Tony ha in mano una foto con Spider-Man.

Il suo “bimbo ragno”, scomparso dopo lo schiocco di Thanos, rappresenta per Iron Man una colpa troppo grande. Sarà probabilmente la sua nuova figura da mentore per Peter Parker a spingerlo ad affrontare nuovamente Thanos.

Captain America: il più quotato a morire

Un altro personaggio chiave del Marvel Cinematic Universe è Captain America. L’eroe più umano tra tutti, colui che ha sempre posto la libertà e il coraggio dinanzi ai suoi stessi poteri. Un uomo catapultato nel presente, congelato nel passato, destinato a un ultimo grande capitolo per poi abbandonarci.

Non sappiamo questo abbandono se sarà fatale o no per il personaggio di Steve Rogers. Sappiamo con certezza che il contratto tra Chris Evans e i Marvel Studios è concluso con Avengers Endgame. I fratelli Russo devono alla caratterizzazione del personaggio di Captain America gran parte della loro fortuna. Prima infatti di dirigere l’ultimo grande capitolo sugli Avengers, i Russo hanno iniziato con Captain America The Winter Soldier per poi proseguire con Captain America Civil War.

Nonostante entrambi i film si compongano di un cast corale, è il personaggio di Captain America quello cardine, sviscerato con grande intelligenza dai Russo, rendendolo uno degli immagini chiave dell’Universo Marvel. Lo spirito di sacrificio del super-soldato potrebbe spingerlo a morire pur di portare a termine il piano – di cui ancora si sa poco – degli Avengers per riportare in vita i caduti, tra cui Bucky e Falcon, suoi grandi amici.

Teorie più romantiche invece, lo immaginano intrappolato nel passato, magari a ricongiungersi con Peggy Carter, già vista in Captain America Il Primo Vendicatore e la serie tv Agent Carter.

Thor: il dio del tuono molto più forte del passato

A concludere il gran trittico c’è il dio del tuono: Thor. Un personaggio non pienamente sfruttato sul grande schermo ma con un gran potenziale se seguiamo le leggende norrene e i Marvel Comics. Thor in teoria è uno dei personaggi più forti dell’intero cosmo Marvel. Eppure prima di Infinity War il personaggio interpretato da Chris Hemsworth ha rappresentato più volte una macchietta anziché un super-eroe che risolvesse i problemi.

Nel precedente capitolo, però, la sconfitta con Thanos lo ha scosso particolarmente, al posto del compianto Mjolnir è arrivata la Stormbreaker fabbricata grazie a Groot, arma con cui avrebbe potuto già uccidere il titano sul finale del film dello scorso anno.

Questo errore, ci dicono i Russo, lo accompagnerà anche in Avengers Endgame, spingendolo magari in un epico scontro di rivincita, chissà se magari sarà proprio il dio del tuono a sferrare il colpo decisivo già mancato una volta. Tra i tre protagonisti però, crediamo sia quello a meno rischio di vita.

A contrasto di questa teoria c’è però da valutare l’inserimento di un personaggio come Carol Denverse, in arte Captain Marvel, super-eroe che può spostarsi tra le galassie e che potremmo immaginare come sostituto dello stesso Thor. Altri invece già shippano una storia d’amore tra i due..

La fine degli Avengers? E i nuovi torneranno?

Escludendo il grande trittico c’è da aspettarsi un grande riscatto da parte di Bruce Banner/Hulk. Un altro personaggio dotato di grande potenziale ma annichilito dal grande Thanos in Infinity War. Se il grande uomo verde non riuscirà a tirar fuori tutto il suo potere c’è da pensare che gli sceneggiatori possano sbarazzarsene.

Altri personaggi di contorno quali War Machine, Ant-Man e Rocket potrebbero rischiare la vita, drammatizzando con una morte tra questi ancora di più un film che si preannuncia molto “doloroso”. Anche Vedona Nera e Occhio di Falco / Ronin sembrano avere molto minutaggio, e la loro grande amicizia rimarcata nei trailer ci suggerisce che potrebbero non vedersi più.

L’ultima grande domanda è per chi ci ha abbandonati in Avengers Infinity War. Spider-Man, Doctor Strange, buona fetta dei Guardiani, Loki, Wanda e molti altri, che fine hanno fatto? Ci saranno viaggi nel tempo che li salveranno? Per queste risposte dobbiamo solo aspettare il fatidico 24 aprile, l’unico indizio da non dimenticare sono le parole di Doctor Strange lasciate ad Iron Man quando consegnò la gemma del tempo. “Siamo a fine partita ora, era l’unico modo”. I 14 milioni visti da Doctor Strange decretavano una sconfitta, ma una sola versione offriva una chance. L’unico modo per vincere, a quanto ci è dato capire, è la vendetta, riportando indietro i caduti.

Ultimo ma non per importanza: il cattivo

E Thanos? Sembra possedere una nuova arma nei trailer. Sembra indossare di nuovo un’armatura che non gli servirebbe indossare avendo l’immenso potere del guanto dell’infinito al completo. Eppure, negli ultimi frame del trailer rilasciato ieri, Iron Man, Captain America e Thor sembrano dare inizio a uno scontro che si preannuncia epico. I fan vogliono altri scontri con il titano pazzo, scontri che potrebbero risultare fatali per i nostri Avengers. Difficile ipotizzare la conclusione che la Marvel destinerà a uno dei villain meglio caratterizzati nei cinecomic. Sappiamo solo che, comprensibile o meno, il desiderio di Thanos ha scatenato il più grande potere dei nostri tanto amati Avengers: vendicarsi.

Nato a Belvedere Marittimo (CS) il 06/05/1994. Da sempre appassionato di scrittura e giornalismo. Scrive su quelle che sono le sue più grandi passioni: sport, media, Tv e soprattutto cinema. Laureato in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Salerno e attualmente studente della laurea specialistica Corporate Communication & Media.

';

Notizie Flash

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it