Seguici sui social

Web

FaceApp Challenge: come funziona l’App che invecchia le facce delle persone nelle foto

Tutto ciò che c’è da sapere sulla moda del momento, che in Italia hanno lanciato (anche) i calciatori Gomez e Petagna

Pubblicato

il

Faceapp Gomez Petagna
foto: SkySport.it

Nelle ultime ore sta spopolando quella che sembra essere una nuova moda del web. Si chiama FaceApp Challenge, e ci si gioca tramite l’omonima applicazione FaceApp. Ecco come funziona l’app che invecchia le persone nelle foto. Come si fa ad applicare il filtro vecchiaia nelle fotografie.

Da cosa nasce la FaceApp Challenge, che usa il filtro che invecchia il viso nelle foto?

In tantissimi gli utenti della Rete che stanno scaricando FaceApp, l’applicazione che sta rendendo pazzi tutti nelle ultime ore. Ma di cosa stiamo parlando? Si tratta di un’app che permette di aggiungere vari filtri alle proprie foto o alle foto altrui, come ad esempio il filtro vecchiaia, o il filtro che ringiovanisce il viso.

In particolar modo, il filtro che invecchia il volto delle persone nelle foto sembra senza dubbio il più utilizzato. Tutto questo al solo scopo di condividere la propria foto (o quella del proprio amico) con i propri amici, molto spesso su Whatsapp, per divertirsi insieme e fare quattro risate.

Ma da dove nasce la FaceApp Challenge? Non sappiamo di preciso chi abbia lanciato questa moda, ma di certo a diffonderla nel pomeriggio di ieri ci hanno pensato calciatori, uno in forza all’Atalanta, un altro alla Spal, entrambe formazioni militanti nel massimo campionato di Serie A. Sono Papu Gomez e Andrea Petagna, ex compagni in nerazzurro. In particolar modo l’argentino sta pubblicando alcune sue foto con il suddetto filtro vecchiaia su Instagram.

FaceApp come funziona: come si usa il filtro vecchiaia dell’applicazione

Ma come funziona FaceApp, e come si fa ad applicare il filtro vecchiaia dell’applicazione? I passi da seguire sono pochissimi, e soprattutto sono davvero semplici. Innanzitutto, bisogna ovviamente scaricare l’app, per poi effettuare la registrazione al servizio, che è totalmente gratis (tuttavia, alcuni filtri sono a pagamento).

La stessa FaceApp ricercherà i volti nelle ultime foto salvate sul proprio cellulare, permetterà agli utenti di accedere alla galleria per modificare foto fatte in precedenza, e permetterà, ovviamente, di scattare una foto al momento e applicarvi il filtro vecchiaia. Quest’ultimo va utilizzato dopo aver selezionato la foto; al momento è il terzo da sinistra verso destra.

Filtro vecchiaia Papu Gomez e Petagna: hanno usato FaceApp?

Dicevamo di Alejandro Papu Gomez e di Andrea Petagna. Ma hanno utilizzato FaceApp? I due, stando a quanto ci risulta, non hanno detto esplicitamente di aver usato questa applicazione, ma stando a quanto raccolto dagli utenti della Rete sembrerebbe proprio di sì.

In ogni caso, FaceApp sembra assolvere bene allo scopo. Ma quando arriva il filtro vecchiaia su Instagram? Sembra ancora presto per dirlo, ma siamo sicuri che, data la grande popolarità di questa funzionalità, potrebbe essere presto inserito. Nel frattempo, vi spieghiamo come si usa il filtro vecchiaia su Snapchat.

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, e nel 2018 in Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

';

Notizie Flash

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it