Seguici sui social

Calcio

Foggia Calcio, la storia di Luca Campanaro, 14enne tifoso rossonero morto in campo

Il padre Americo ha raccontato, tramite una lettera, un regalo che sarebbe piaciuto al figlio: “Una lettera dai propri beniamini, da mettere sulla sua tomba”

Pubblicato

il

Luca Campanaro
foto: FoggiaToday.it

Da un mese circa il Foggia Calcio, lassù, ha un tifoso in più. Luca Campanaro, di soli 14 anni, inglese di origini foggiane, è volato in cielo sicuramente troppo presto. Il ragazzo, che giocava a calcio nei Bedgrove Dynamos, la squadra della quale era capitano, si è accasciato a terra durante una partita, lasciando la vita in campo.

Una storia, quella raccontata dal padre Americo Campanaro, in una accorata lettera pubblicata da FoggiaToday, che viene direttamente da Aylesbury, centro abitato del Buckinghamshire: “Tutti dicevano Luca fosse una stella nascente del calcio inglese. Era un ragazzo semplice, buono, generoso. È proprio per queste sue caratteristiche che noi genitori abbiamo deciso di donare i suoi organi affinché altri possano salvarsi, e vivere grazie a lui“.

Foggia Calcio, Americo Campanaro: “Luca sarebbe felicissimo di ricevere un regalo…

La passione di Luca per il Foggia non conosceva confini né nazionalità: “Pur essendo vissuto in Inghilterra amava Foggia e il Foggia. Ogni anno ritornava in Puglia per far visita ai parenti e perché era un grande tifoso rossonero“.

La richiesta fatta da un uomo che ha dovuto provare l’innaturale sofferenza di veder perire suo figlio è commovente: “Sono certo che Luca sarebbe felicissimo di ricevere un piccolo regalo, una letterina, anche solo di poche righe, da parte dei suoi beniamini del Foggia Calcio, che resterà sulla sua tomba come il segno di affetto a lui più gradito. Sicuramente ai dirigenti e ai calciatori farà piacere sapere che hanno un tifoso in più, in paradiso“.

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e aspirante giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, attualmente studia Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

I più letti