Seguici sui social

Cronaca

Salerno, allatta il figlio in ospedale e poi si suicida

Tragedia nella mattinata presso il nosocomio salernitano, dove una ventiquattrenne si è lanciata nel vuoto morendo sul colpo

Pubblicato

il

Ospedale Ruggi Salerno
foto: BlitzQuotidiano.it

Una vera e propria tragedia quella che si è consumata nella mattina di oggi a Salerno. Una ragazza si è lanciata dalla finestra dell’ospedale Ruggi dopo aver allattato il figlio partorito pochi giorni prima. Per lei non c’è stato nulla da fare, l’impatto col suolo è stato fatale, provocandole una morte istantanea.

Salerno, si suicida dopo aver allattato il figlio in ospedale

La giovane ragazza, 24 anni, era ricoverata nel reparto di Ostetricia dell’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno avendo partorito da pochi giorni. La mamma si era recata nel nido per allattare il proprio figlio. Dopo la poppata mattutina, la ragazza è uscita dal reparto, ha aperto una finestra e si è lanciata nel vuoto.

Non c’è stato nulla da fare, poiché è morta sul colpo. Hanno assistito alla scena diverse persone che però non hanno potuto fare niente per impedire alla 24enne di compiere il gesto estremo. Quest’ultima era in buone condizioni di salute, e si ipotizza che alla base del suicidio ci sia una depressione post parto.

Sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta per chiarire le dinamiche e cercare di capire le motivazioni. Tanto lo sconcerto all’interno del nosocomio dopo che la notizia si è diffusa.

È un giovane ammiratore del giornalismo in tutte le sue sfumature che prova a raccontare la verità delle cose nel migliore dei modi. Giornalista praticante, attivista antimafia e ogni tanto scrittore di pensieri.

';

Notizie Flash

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it