Seguici sui social

Eventi

Salone del libro 2020: le date e un’opportunità per i giovani lettori

L’evento, che si terrà al Lingotto dal 14 al 18 maggio dalle ore 10 alle 21, rappresenta la più importante manifestazione nel campo dell’editoria italiana. Quest’anno, particolare riguardo per i giovani, al centro di un’iniziativa

Pubblicato

il

Libro Aperto
foto: dailybest.it

La trentatreesima edizione del Salone Internazionale del libro di Torino del 2020 si svolgerà dal 14 al 18 maggio 2020 al Lingotto Fiere. Sono trascorsi ben 33 anni da quando, nel 1988, Angelo Pezzana e Guido Accornero crearono la più importante manifestazione nel campo dell’editoria italiana.

La kermesse, che si terrà nelle date su indicate dalle ore 10 alle ore 21, si rivolge sia alle case editrici grandi, sia a realtà meno note ma comunque valide, e soprattutto ai lettori, che sono i consumatori di libri e di prodotti editoriali, e che quindi sono forse il fulcro di questo Salone. Ogni anno viene scelto un tema, che dev’essere accolto e rispettato da ogni casa editrice. Il tema del 2020 è “altre forme di vita”: un invito all’esplorazione del diverso, dell’altro da sé. 

Salone del libro 2020: la novità per i più giovani lettori

Per i lettori dai 15 ai 19 anni, quest’anno c’è una novità. Con l’iniziativa “SalTo Diventi” il Salone di Torino invita i giovani a inviare una recensione del proprio libro preferito tramite un apposito forum, o tramite una storia da pubblicare sul proprio profilo Instagram con la piccola recensione, la foto della copertina del libro e il tag “@salonelibro”.

Le recensioni migliori saranno riportate su una fascetta legata al libro scelto, che farà parte della libreria di SalTo Diventi del Salone del Libro. Il Salone amplia le sue vedute e diventa social, diventa giovane perché il mondo si evolve e l’editoria si evolve con esso. 

Nata a Nocera Inferiore il 3 dicembre 2000, è giornalista praticante presso ZetaNews. Diplomata al Liceo Classico "Marco Galdi" nel 2019, dallo stesso anno è studentessa di Lettere Classiche presso l’Università degli studi di Salerno. Appassionata di scrittura creativa, ha partecipato a diversi concorsi letterari: nel 2016 si è classificata terza al concorso “le parole sono ponti” e nel 2019 si è classificata seconda al Premio Badia di Cava De’ Tirreni. Ama i libri, l’arte e raccontare le ingiuste condizioni del patrimonio artistico della città in cui vive. “Figlia” del Pirandello giornalista, cerca di non fermarsi mai alla narrazione superficiale degli eventi. «E mentre il sociologo descrive la vita sociale qual essa risulta dalle osservazioni esterne, l’umorista armato del suo arguto intuito dimostra, rivela come le apparenze siano profondamente diverse dall’essere intimo della coscienza degli associati». (Pirandello, saggio sull’umorismo)

';

I più letti

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it