Seguici sui social

Sport

Thailandia, i bambini dispersi nella grotta sono stati tutti salvati

I dodici giovani calciatori e il loro allenatore sono stati tutti recuperati durante le operazioni di soccorso di stamane. Ipotesi rito di iniziazione riguardo le cause che li hanno spinti a intrufolarsi nell’anfratto

Pubblicato

il

Thailandia Bambini Grotta
foto: Gazzetta dello Sport

Il lieto fine per una vicenda che non verrà mai dimenticata dai protagonisti, dalla Thailandia tutta, e probabilmente anche dagli appassionati di calcio. Tutti i bambini dispersi nella grotta sono stati salvati.

Thailandia, salvati i bambini della grotta. Ipotesi rito di iniziazione

L’operazione di salvataggio dei 12 giovani calciatori e del loro allenatore ha avuto un esito positivo. Tutti i protagonisti di questa avventura, durata ben 17 giorni, sono stati messi in sicurezza e trasportati nell’ospedale di Chiang Rai, dove vengono tenuti in assoluto isolamento per il timore che, con il sistema immunitario indebolito, siano a rischio di infezioni.

Decisiva la mattinata di oggi, con le operazioni che sono proseguite nonostante la pioggia incessante. L’ultima persona a essere stata estratta è stato proprio l’allenatore Ekkapol Chanthawong, 25enne alla guida di questi ragazzi che, dopo tante vicissitudini, possono finalmente rivedere la luce.

Ancora ignote le cause che hanno portato il gruppo a infiltrarsi nella grotta. Tuttavia, pare che un rito di iniziazione locali li abbia ‘costretti’ a intraprendere questo percorso, da compiere senza zaini e scarpe, con l’obiettivo di uscire dall’anfratto il più velocemente possibile. Il premier thailandese Prayuth Chan-ocha ha dichiarato che ai ragazzi estratti dalla grotta sono stati somministrati ansiolitici durante il percorso.

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e aspirante giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, attualmente studia Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

I più letti