Seguici sui social

Attualità

Insulti in chat di gruppo, cosa dice la legge: quando è reato, quando fare denuncia

Ingiuria e diffamazione possono verificarsi anche in questa fattispecie? Cosa dice la normativa a riguardo

Pubblicato

il

Whatsapp
foto: responsabilecivile.it

Capita spesso di essere inseriti in chat di gruppo, come in gruppi Whatsapp o Messenger, con numerosi partecipanti. Non è raro in questi casi che, da una semplice discussione tra alcuni membri, si possa sfociare nell’insultarsi reciprocamente, nel denigrare altre persone, non facenti parte della chat medesima o al momento disconnesse.

Chat di gruppo, insultare un membro costituisce reato?

Nel caso in cui l’insulto è rivolto direttamente ad un membro della chat, che quindi possa percepire l’offesa immediatamente, in quanto presente nel gruppo, ma soprattutto connesso in quel preciso istante, si tratterebbe di “ingiuria”, peraltro aggravata dalla presenza (seppur virtuale) di più persone. Tuttavia, tale ipotesi è stata oramai depenalizzata e pertanto non costituisce reato, ma semmai una mancanza di rispetto e di educazione.

Insulti in chat di gruppo, cosa dice la legge se la persona è assente?

Nel caso in cui l’insulto fosse rivolto ad una persona non presente tra i membri della chat o non connessa in quel momento, la quale venisse a percepire l’offesa in seguito alla sua connessione o per il tramite di altri partecipanti, Si configurerebbe, in tale ipotesi, il reato di diffamazione, di cui all’art. 595 c.p. Al riguardo la Corte di Cassazione, ha stabilito che: “l’elemento distintivo tra ingiuria e diffamazione è costituito dal fatto che nell’ingiuria la comunicazione, con qualsiasi mezzo realizzata, è diretta all’offeso, mentre nella diffamazione l’offeso resta estraneo alla comunicazione offensiva intercorsa con più persone e non è posto in condizione di interloquire con l’offensore” (sez. V Penale, sentenza 25 febbraio – 31 marzo 2020, n. 10905).

Nato a Vico Equense il 26 Aprile 1990, è un giovane avvocato specializzato in diritto penale e tributario. Laureato in Giurisprudenza nel 2016 presso l’Università di Napoli Federico II, e nel 2019 in Management presso l’Università delle Camere di Commercio di Roma. Ambizioso, determinato, ed empatico nei rapporti umani, da sempre attivo nel campo del volontariato e della promozione sociale, schierato accanto dei più deboli per la tutela dei loro diritti. Inguaribile viaggiatore, amante dell’arte e del buon cibo italiano.

';

I più letti

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it