Seguici sui social

Salute

Materasso a molle insacchettate: cos’è e quali vantaggi offre

Un supporto per il riposo costituito da una serie di molle indipendenti in acciaio davvero molto particolare, per assicurare relax e comfort

Pubblicato

il

Dormire bene

I sistemi per il riposo rappresentano un settore merceologico molto vario e che si è notevolmente evoluto grazie all’introduzione di svariate innovazioni tecnologiche. Le soluzioni tradizionali come, ad esempio, il materasso imbottito di lana o le reti a maglia metallica, hanno lasciato il posto a prodotti più sofisticati, in grado di offrire una risposta adeguata ad ogni genere di esigenza di riposo.

Tra le principali opzioni tra le quali scegliere vi sono i materassi a molle insacchettate: in questo articolo vedremo di cosa si tratta e quali sono le caratteristiche che contraddistinguono questo sistema rispetto ad altri.

Caratteristiche tecniche

Come suggerisce il nome stesso, un materasso a molle insacchettate è un supporto per il riposo costituito da una serie di molle indipendenti in acciaio; ciascuna di queste è ‘insacchettata’, ossia contenuta all’interno di un involucro di tessuto non tessuto.

La struttura composta dalla molle è a sua volta inserita all’interno di un rivestimento, generalmente sfoderabile e lavabile, è composto da diversi strati; il materasso a molle insacchettate disponibile su asso-materasso.com, ad esempio, presenta una struttura che comprende anche un doppio massello in poliuretano espanso.

In aggiunta, quasi tutti i modelli di materasso di questo tipo presentano una sottile imbottitura interna in memory foam, un particolare materiale (una schiuma poliuretanica viscoelastica) in grado di deformarsi adattandosi alla pressione ed al calore ai quali è sottoposto; per questa specifica peculiarità, è molto diffuso nell’industria del bedding, per il confezionamento di materassi e cuscini.

Prestazioni

La struttura a molle insacchettate conferisce all’intero sistema di riposo precise caratteristiche prestazionali. Il materasso, infatti, offre un supporto ottimale alla schiena ed al resto del corpo, grazie al fatto che le molle sono indipendenti (e non connesse le une alle altre); in tal modo, ciascuna offre il sostegno ottimale ad ogni punto del corpo, adattandosi alla conformazione ergonomica del collo e della schiena.

Di contro, essendo formato comunque da una struttura a molle (e quindi di acciaio), risulta leggermente meno elastico rispetto, ad esempio, ai materassi in lattice o in schiuma poliuretanica (memory foam).

Vantaggi per il riposo

Uno dei motivi per cui i materassi a molle insacchettate riscuotono un ottimo successo di mercato è il contributo alla qualità del riposo, grazie ad una serie di prerogative:

  • supporto localizzato del corpo; il materasso di adatta alla pressione esercitata, senza modificare interamente la propria struttura. Ciò vuol dire, in un letto matrimoniale, il materasso è in grado di offrire un sostegno congruente alla struttura ed al peso corporei di chi lo utilizza;
  • sostegno del peso; essendo particolarmente solido, il materasso a molle insacchettate è indicato soprattutto per utenti ben strutturati e dal peso corporeo significativo. Questo si addice per lo più a chi tende a dormire, sempre o quasi, in posizione supina; in tal modo, evita scompensi posturali che potrebbero provocare dolore locale, indolenzimento o, nel peggiore dei casi, nevralgie. Tale caratteristica è proporzionale al numero delle molle: un materasso di buona qualità ne conta circa mille;
  • capacità di traspirazione; la particolare struttura interna consente un ampio passaggio di aria e, di conseguenza, facilita la traspirazione. Ragion per cui, rappresenta un’ottima soluzione per chi abita in zone dal clima caldo oppure soffre di problemi di sudorazione;
  • versatilità; i materassi a molle insacchettate possono essere integrati con altri sistemi di riposo, come ad esempio i materassi in memory foam, così da migliorare ulteriormente il comfort.

Tali vantaggi, però, non sono assoluti ma dipendono in buona parte anche dalle abitudini di riposo e dalla struttura fisica dell’utente. Chi preferisce supporti più morbidi, e tende a coricarsi su un fianco per buona parte del tempo trascorso a letto, può ricavare maggiori benefici da un materasso il lattice o memory.

Notizie Flash

';

I più letti

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it