Seguici sui social

Cronaca

Campania, De Luca: “Vaccinatevi e mantenete la guardia alta”

Tanti i punti toccati dal presidente campano nel corso della sua consueta diretta Facebook del venerdì, a partire dalla terza dose fino ad arrivare alla quarta ondata dell’epidemia da Covid in Italia

Pubblicato

il

De Luca presidente Regione Campania
Foto: laStampa.it

Consueto appuntamento con la diretta Facebook settimanale di Vincenzo De Luca. Tanti i punti toccati, a partire dalla terza dose fino ad arrivare alla quarta ondata dell’epidemia da Covid in Italia. Il presidente della Campania ha raccomandato di mantenere la guardia alta e accelerare sulle vaccinazioni.

Campania, le parole di Vincenzo De Luca oggi 5 novembre 2021

L’inquilino di Palazzo Santa Lucia predica attenzione, bisogna evitare una recrudescenza della circolazione virale:

“Qui dobbiamo stare attenti, perché se avremo da qui ai prossimi mesi l’esplosione della quarta ondata e dell’influenza stagionale, avremo di nuovo gli ospedali intasati e di nuovo difficoltà a procedere con i reparti ordinari a disposizione per i nostri cittadini. Stiamo cercando di vaccinare con la terza dose i pazienti fragili e immunodepressi, ma anche personale scolastico, forze dell’ordine e, soprattutto, personale medico-sanitario. Oggi arriviamo a 18-20.000 vaccinazioni, c’è spazio per vaccinare tutti contestualmente. Rispondete alle convocazioni, ma presentatevi anche spontaneamente. Mi rivolgo a chi deve fare sia la prima, sia la seconda, sia la terza dose”.

Non dimenticare l’importanza della mascherina:

“Mi rivolgo in particolare alle amministrazioni comunali, alle polizie municipali e alle forze dell’ordine, al fine di far rispettare la nostra ordinanza. Non ho visto un verbale da parte di chi avrebbe dovuto controllare chi camminava in giro senza mascherina. Poi si mettono in mezzo le scemenze, Natale, Halloween, le feste di laurea. È chiaro che in questo contento rischiamo di prolungare l’emergenza, facendo correre il rischio di dover chiudere di nuovo tutte le attività, come sta accadendo a Trieste: una città bellissima, violentata da bande di imbecilli. Siamo arrivati al punto, a Trieste, che qualcuno ha protestato per l’utilizzo degli idranti da parte delle forze dell’ordine. La prossima volta, daremo loro in dotazione coriandoli, petali di rose, rami e candele profumati. Grazie agli irresponsabili, Trieste oggi ha 800 positivi ed è la città con più contagi in Italia: una vergogna nazionale”.

Infine, un pensiero sul G20 andato in scena a Roma la scorsa settimana:

“Devo dire che, per una volta, abbiamo avuto modo di essere orgogliosi come italiani per la capacità organizzativa mostrata dal Governo, per l’immagine della politica che abbiamo dato con Draghi e di bellezza incomparabile della nostra Capitale. Sono state due giornate davvero splendide di orgoglio nazionale, oltre che di dibattito decisivo sul tema dell’ambiente. Abbiamo unito, per una volta, l’Italia in un’immagine di unità e di orgoglio. Una volta finito il G20, abbiamo ricominciato con i pollai televisivi che ci fanno deprimere quotidianamente. Il G20 non ha prodotto tantissimi risultati, così come anche l’evento analogo che si sta svolgendo a Glasgow, ma credo che alcune cose importanti siano state acquisite. Il tema dell’ambiente deve diventare sempre più di attualità, capace di coinvolgere la sensibilità di ognuno di noi”.

Nato ad Avellino nel maggio '95 è un giornalista, attivista antimafia e talvolta scrittore un po' troppo malinconico. Grande appassionato di sport, divoratore di libri e ascoltatore incallito dei Pearl Jam.

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it

error: Contenuto protetto!