Seguici sui social

Spettacolo

Chi è Ema Stokholma, la carriera della scrittrice e conduttrice radiofonica

La speaker di Rai Radio 2 ha una grande sensibilità e una storia davvero emozionante alle spalle

Pubblicato

il

Ema Stokholma

La stiamo ammirando in tutto il suo talento e nel suo fascino a Sanremo 2022, Ema Stokholma, che del Festival della Canzone italiana conduce la diretta radio su Rai Radio 2. Scrittrice, cantante, conduttrice radiofonica: un personaggio poliedrico, di cui scopriamo la biografia, la carriera e alcuni tratti sulla sua famiglia e la sua vita privata.

La biografia e la carriera della conduttrice radiofonica: età e altezza

Ema Stokholma è nata a Romans-sur-Isère, un comune francese di 34.444 abitanti situato nel dipartimento della Drôme, il 9 dicembre 1983. Il suo vero nome è Morwenn Moguerou; il nome d’arte, foneticamente, ricorda le sue origini, un misto di Italia e Francia. Stokholma è infatti nata dalla relazione, piuttosto fugace, tra un ragazzo italiano, tornato in patria prima della sua nascita, e una ragazza francese.

È proprio la sua adolescenza a essere particolarmente difficile. Ema, infatti, è cresciuta con la madre e il fratello maggiore tra il Midi e la Bretagna. Della sua vita privata parleremo dopo. Per quanto invece concerne la sua carriera, ha lavorato a lungo nel mondo della moda, diventando modella per maison come Dolce & Gabbana, Fendi, Valentino e Gianni Versace.

È negli anni 2000 che si avvicina al mondo della musica e conia un soprannome davvero unico. Nel 2013 fa il suo debutto nella televisione italiana, conducendo l’aftershow degli MTV Italian Awards. Conduttrice radiofonica per Rai Radio 2, ha debuttato al Festival di Sanremo nell’edizione 2018.

Ema Stokholma, non solo radio: anche i quadri e un libro sulla mamma e il fratello nella sua vita

Non c’è solo la radio e la musica nella vita di questo personaggio davvero interessante. Sul sito ufficiale Ema Stokholma troviamo infatti diversi dei suoi quadri, opere da cui traspare la sua personalità e la sua sensibilità, diremmo fuori dal comune.

Potremmo dire lo stesso del suo libro, intitolato “Per il mio bene”, pubblicato nel febbraio 2020. In esso si parla della relazione con la mamma, che su lei e suo fratello ha compiuto violenze sia fisiche che psicologiche: “Un mostro che lei chiama “mamma”. La persona che dovrebbe esserle più vicina, che dovrebbe offrirle amore e protezione e invece sa darle solo violenza e odio. La picchia, la insulta, le fa male sia nel corpo che nell’anima. A lei e a Gwendal, suo fratello, di pochi anni più grande”, si legge.

Ema Stokholma ha un fidanzato? Vita privata della conduttrice di Rai Radio 2

La vita sentimentale di Ema Stokholma è piuttosto conosciuta. La dj è stata fidanzata fino agli inizi del 2018 con il rapper Gemitaiz, ma la relazione tra i due si è interrotta. Ema Stokholma in una recente intervista ha parlato di questo argomento: “Adesso da sola ho un equilibrio, ma quando entra qualcuno nella mia vita, entra in gioco anche la paura dell’abbandono, e una serie di meccanismi di controllo che nascono da quella paura. Forse è vero allora, non sono ancora pronta. È da due anni che sono single“.

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, e nel 2018 in Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

';

Notizie Flash

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it