Seguici sui social

Cronaca

Ucraina, distrutta in un’esplosione la diga di Kakhovka: inondati villaggi

Il fatto minaccia circa 22.000 persone, mettendo a rischio anche l’intero sistema di irrigazione agricolo della regione. Scambio di accuse tra Mosca e Kiev per la paternità dell’accaduto

Pubblicato

il

Presidente Zelensky

La diga di Kakhovka in Ucraina è stata distrutta in un’esplosione, causando l’inondazione di decine di villaggi e la mobilitazione di forze internazionali. L’Ucraina e la Russia si sono accusate a vicenda dell’attacco, con Kiev che sostiene che la Russia voleva ostacolare la loro controffensiva. Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha però assicurato che l’incidente non influenzerà i loro piani. Nel frattempo, la presidente del Consiglio italiano, Giorgia Meloni, ha espresso solidarietà verso l’Ucraina.

Diga di Kakhovka distrutta, scambio di accuse tra Mosca e Kiev

Gli Stati Uniti sono in contatto con le autorità ucraine per ottenere più informazioni, ma temono già la presenza di numerose vittime. Le accuse ucraine contro la Russia hanno ottenuto il sostegno della NATO, dell’UE e della Germania, mentre il segretario generale dell’ONU, Antonio Guterres, ha definito l’incidente una devastante conseguenza dell’invasione russa.

L’Ucraina ha richiesto e ottenuto una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Il vice ambasciatore americano all’ONU, Robert A. Wood, ha accusato la Russia di aver iniziato la guerra e di aver violato le leggi di guerra attaccando obiettivi civili.

Il Cremlino ha risposto accusando l’Ucraina di aver sabotato la diga in un tentativo di privare di acqua la Crimea. Secondo le autorità ucraine, l’esplosione è stata provocata da militari russi, mentre le autorità filorusse locali sostengono che si tratti di un bombardamento ucraino.

L’inondazione ha colpito 24 villaggi e minaccia circa 22.000 persone, mettendo a rischio anche l’intero sistema di irrigazione agricolo della regione. Tuttavia, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha assicurato che non ci dovrebbero essere pericoli per la centrale nucleare di Zaporizhzhia, controllata dai russi.

Pubblicità

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, e nel 2018 in Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: Culturando APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Atzori, 123 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it

error: Contenuto protetto!