Seguici sui social

Web

Ucraina, “Slava Ukraini!”: ecco cosa significa il saluto del popolo ucraino

Un’espressione storica che richiama alla gloria di questa gente mai doma, costretta a combattere una guerra sanguinosa e criminale

Pubblicato

il

Bandiere Ucraine

“Slava Ukraini!”, a cui spesso sentiamo rispondere “Heroiam slava!”. È il saluto del popolo ucraino, che tanto stiamo sentendo durante questa guerra tra Ucraina e Russia che sta lacerando i cuori del mondo. Un’espressione dal significato ben più profondo di quanto lasci immaginare la semplice traduzione. Vediamo insieme la sua storia, cosa significa e come si pronuncia.

Cosa significa Slava Ukraini: definizione, significato e pronuncia

L’avanzata della Russia imperversa. I carri armati di Vladimir Putin, che ha dispiegato i suoi bombardamenti sulla vicina nazione ucraina, hanno rinfocolato il grande senso patriottico degli abitanti di quest’ultima, pronti a difendere la loro terra. In un momento così drammatico, ci si appella alla bandiera, ma anche a un saluto identificativo, come appunto “Slava Ukraini”.

Ma che cosa significa? Letteralmente, Slava Ukraini vuol dire “Gloria all’Ucraina”, ed è, appunto, il saluto che gli ucraini usano tra di loro per augurarsi buona sorte durante questo sanguinoso conflitto. Questa espressione, infatti, è nota come simbolo della sovranità e della resistenza ucraine e come il saluto ufficiale delle forze armate ucraine dal 2018.

Come detto, a questo saluto si risponde “Heroiam slava!”, ovvero “Gloria agli eroi!”. Non propriamente una risposta banale, per un popolo tutt’altro che domo, a cui dedichiamo anche dei pensieri di pace. Intanto, ecco dove ascoltare la pronuncia di Slava Ukraini.

La storia del saluto del popolo ucraino: ecco come è nato

Il saluto Slava Ukraini apparve per la prima volta all’inizio del 20° secolo in diverse varianti, quando divenne molto popolare tra gli ucraini durante la guerra d’indipendenza. Tra il 1917 e il 1921 l’Ucraina combatteva, appunto, per conquistare una propria autonomia, proprio quella a cui sembra mirare Vladimir Putin.

Pubblicità

La stessa frase fu poi usata dall’Organizzazione dei nazionalisti ucraini; successivamente, è riemersa durante la lotta per l’indipendenza dell’Ucraina in connessione con la caduta dell’Unione Sovietica, ed è stata usata da Bill Clinton nel 1995. Adesso, con la guerra tra Russia e Ucraina, l’espressione è diventata famosa in tutto il mondo.

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, e nel 2018 in Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: Culturando APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Atzori, 123 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it

error: Contenuto protetto!