Seguici sui social

Cronaca

Benevento: Scarcerato Paolo Di Donato, fu ribattezzato “il re dei migranti”

Era stato arrestato nel giugno scorso con l’accusa di frode in fornitura di servizi, corruzione, truffa e di rivelazione di segreti di ufficio

Pubblicato

il

Centro Immigrati
Foto: dinamopress.it

Era stato definito “il re dei migranti” nella provincia di Benevento. Gestiva tantissime cooperative che si occupavano dell’accoglienza e della gestione degli stranieri nel Sannio. L’uomo di 48 anni, Paolo Di Donato, era stato arrestato nel giugno scorso con l’accusa di frode in fornitura di servizi, corruzione, truffa e di rivelazione di segreti di ufficio.

Torna in libertà, ma non potrà contrattare con la pubblica amministrazione per la durata di un anno. Lo ha deciso la dodicesima Sezione del Tribunale del Riesame di Napoli che si è pronunciata sull’appello presentato dagli avvocati Pietro Farina e Vittorio Fucci contro il no del gip Gelsomina Palmieri, lo scorso 16 agosto, all’istanza di revoca o attenuazione della misura a carico del loro assistito.

Era noto come «l’uomo che guida una Ferrari, in grado di incassare 24mila euro al giorno». Presiedeva il consorzio «Maleventum”, per un totale di dodici centri per 740 migranti e 120 dipendenti.

Giornalista nato a Benevento il 19/11/1992. Addetto Stampa di numerosi eventi e manifestazioni, anche a carattere nazionale. Ha curato l’ufficio stampa di enti di formazione, sindacati, associazioni, politici. Dal 2008 nel campo della comunicazione, ha scritto per varie testate giornalistiche, quali “Corriere del Sannio”, “IlVaglio” e condotto il telegiornale per televisioni locali (ElleTv) e regionali (La6). Attualmente collabora con diversi giornali online: Emozioninrete, TeatrieCulture, PalcoscenicoinCampania, InfoSannioNews. Responsabile cultura di ASC Confcommercio. Componente della Proloco Samnium e dell'associazione giovanile "Thesaurus".

I più letti