Seguici sui social

Costume

Capodanno 2024, il messaggio di Papa Francesco: “Sia l’anno della preghiera”

Tutto ciò che vi serve per augurare un buon anno con frasi dedicate alla religione cattolica, dedicando un pensiero ad amici e parenti, col pensiero del pontefice

Pubblicato

il

L’anno 2023 sta giungendo al termine, un periodo ancora segnato dalle ripercussioni della crisi in Ucraina. Queste circostanze hanno influenzato anche i messaggi di fine anno di Papa Francesco. Anche se il Capodanno non ha la stessa connotazione religiosa del Natale, mantiene comunque un suo significato spirituale. È il momento di augurare che il 2024 porti con sé gioia, pace e amore per tutti, attraverso frasi religiose e pensieri ispirati dai messaggi cattolici e dalle parole di Papa Francesco per il nuovo anno. Ecco, dunque, le frasi religiose per fare gli auguri di Capodanno 2024.

Frasi religiose auguri Capodanno 2024: le migliori per il buon anno

La fede rappresenta un punto di forza per i credenti: fede in Dio e nella speranza che l’anno a venire sia migliore di quello che si lascia alle spalle. Questa è l’essenza spirituale del Capodanno. Ecco alcune frasi toccanti da condividere su WhatsApp per augurare un felice 2024 con un approccio cattolico.

“Per vivere meglio in quest’anno nuovo, regalatevi sorrisi. Sorridete ai vostri cari, ai colleghi, a chi vi guida; sorridetevi l’un l’altro. Questo nutrirà il vostro amore, poiché il sorriso è un segno d’amore” – ispirato dalle parole di Madre Teresa di Calcutta.
“Felice Anno Nuovo! Possa Dio trasformare ogni tempesta in un arcobaleno, ogni lacrima in un sorriso e offrirti una soluzione per ogni difficoltà!”
“La Madonna, come una madre affettuosa, veglia su di noi, guidandoci verso il nuovo anno e ricordandoci che vivere senza amore è sprecare ogni giorno. Un sereno Capodanno a tutti.”

Buon Anno 2024 di Papa Francesco: il suo messaggio per Whatsapp e Facebook

Per il Capodanno 2024, Papa Francesco pone un’enfasi particolare sulla preghiera, dichiarandola pilastro fondamentale per affrontare sfide personali e globali. Nel suo messaggio, evidenzia l’importanza di approfondire la pratica della preghiera e di comprenderne il valore spirituale. Il 2024, anticipando il Giubileo 2025, è proclamato come l’anno della Preghiera, un periodo in cui il Pontefice invita le Diocesi a promuovere sia la preghiera individuale che comunitaria.

Papa Francesco sottolinea che la preghiera non deve essere vista come una semplice lista di desideri, ma come un dialogo intimo con il divino, invitando i fedeli a riflettere, meditare e connettersi spiritualmente. Promuove l’empatia e la solidarietà attraverso la preghiera, estendendo i pensieri verso chi soffre e verso l’intero pianeta.

Pubblicità

Il Papa associa la preghiera all’azione, incoraggiando i fedeli a tradurre le loro preghiere in atti concreti di amore, compassione e giustizia, ritenendoli essenziali per un mondo migliore e più inclusivo. Sottolinea anche l’importanza dell’accoglienza e dell’apertura mentale nel momento della preghiera, essendo aperti alla presenza divina in ogni forma e persona.

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, e nel 2018 in Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: Culturando APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Atzori, 123 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it

error: Contenuto protetto!