Seguici sui social

Cronaca

Il Decreto CuraItalia non si cura particolarmente degli universitari

La didattica a distanza è una toppa, perché spendiamo e investiamo meno degli altri sull’istruzione. Un sistema elitario, mutilato da troppi tagli

Pubblicato

il

Unisa food social marketing
foto: Marco Stile

La diffusione del Covid-19 ha piegato in due l’Italia, svelando anni di tagli alla sanità e all’istruzione. L’emergenza sanitaria ha congelato la nazione, creando una crisi che ha coinvolto e coinvolge la maggior parte delle famiglie italiane. Con il decreto CuraItalia si cerca di risollevare economicamente il paese, in attesa di una ripresa economica che tarda ad arrivare. Eppure, il governo sembra essersi dimenticato degli universitari, che sono il futuro di quelle famiglie che oggi si trovano in grande difficoltà economica. 

Didattica a distanza. Si cerca di attenuare il problema con l’adozione della DaD (didattica a distanza), ma può questa sostituire un intero sistema fatto di lezioni frontali, laboratori, biblioteche, esami scritti e orali, confronti con professori e colleghi? Certo, la situazione richiede questo tipo di didattica, ma ciò non basta. Ci sono altri fattori da tenere in conto.

Alcuni potrebbero definire infatti questo sistema elitario, perché non tiene conto di chi non può accedervi. Il rapporto Auditel-Censis pubblicato nel 2018 evidenzia come una connessione ad Internet, indispensabile per questo tipo di didattica, sia presente solo in 8 case italiane su 10. L’82,2% delle famiglie italiane possiede un collegamento ad internet e quasi la metà di queste (49,6%) utilizza una connessione definibile a banda larga. 

Tasse universitarie. Il decreto CuraItalia prevede il rinvio delle tasse universitarie primaverili. Quindi, il termine ultimo per il pagamento delle suddette è stato rinviato di qualche mese. Tuttavia, abbiamo sotto mano la fotografia di un’Italia distrutta economicamente, che ripartirà con gradualità soltanto dal 4 maggio di quest’anno. 

Nel 2017 l’Italia ha investito nell’istruzione pubblica il 7,9% della sua spesa pubblica totale. È l’ultimo Stato Europeo in graduatoria. Sempre nello stesso anno, l’Italia ha speso il 3,8% in istruzione pubblica. Ricapitolando, l’Italia spende e investe meno degli altri stati europei nell’istruzione. Di fatto, quindi, il peso di quest’ultima grava sulle spalle degli studenti e delle loro famiglie. In questo contesto straordinario e difficile si potrebbe, perciò, tener presente non solo il rinvio delle tasse universitarie primaverili, ma anche la diminuzione o l’abolizione di queste ultime. 

Pubblicità

La proposta di FGC. La petizione #EmergenzaUniversità di Fronte della Gioventù Comunista tiene conto di queste e altre problematiche, proponendo soluzioni che possano aiutare gli studenti in difficoltà e garantire il diritto allo studio. Questo il link per firmare la petizione!

Nata a Nocera Inferiore il 3 dicembre 2000, è giornalista praticante presso ZetaNews. Diplomata al Liceo Classico "Marco Galdi" nel 2019, dallo stesso anno è studentessa di Lettere Classiche presso l’Università degli studi di Salerno. Appassionata di scrittura creativa, ha partecipato a diversi concorsi letterari: nel 2016 si è classificata terza al concorso “le parole sono ponti” e nel 2019 si è classificata seconda al Premio Badia di Cava De’ Tirreni. Ama i libri, l’arte e raccontare le ingiuste condizioni del patrimonio artistico della città in cui vive. “Figlia” del Pirandello giornalista, cerca di non fermarsi mai alla narrazione superficiale degli eventi. «E mentre il sociologo descrive la vita sociale qual essa risulta dalle osservazioni esterne, l’umorista armato del suo arguto intuito dimostra, rivela come le apparenze siano profondamente diverse dall’essere intimo della coscienza degli associati». (Pirandello, saggio sull’umorismo)

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: Culturando APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Atzori, 123 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it

error: Contenuto protetto!