Seguici sui social

Cronaca

Sardegna in zona bianca, è la prima regione d’Italia: ecco cosa cambia

L’isola sarà la prima regione a passare nell’area con le minori restrizioni: eeco cosa prevede

Pubblicato

il

Porto di Cagliari
foto: Wikimedia Commons

La Sardegna è in zona bianca. Ufficiale la decisione, stabilita dal ministro della Salute Roberto Speranza all’interno del provvedimento che ha fissato i colori per tutte le altre zone d’Italia. I positivi dati epidemiologici consentono di portare una delle due isole del Mediterraneo a entrare nella fascia con le minori restrizioni. Vediamo insieme cosa si può fare in zona bianca: cosa prevede questa giurisdizione e cosa cambia rispetto alle zone gialla, arancione e rossa.

Zona bianca, cosa cambia per la Sardegna: le regole fissate

Per la terza settimana consecutiva i dati della Sardegna sono davvero positivi: l’isola ha infatti l’Rt più basso (0,68); inoltre, nell’ultimo aggiornamento sono stati rilevati 70 nuovi casi e il tasso di positività sceso all’1,7 per cento. Numeri che hanno portato l’esecutivo a trasferire la Sardegna in zona bianca. Ma quali sono le regole fissate, e cosa cambia per i cittadini?

Nella zona bianca non si applicano le misure restrittive previste dai DPCM per le aree gialle, arancioni e rosse. Ciò si traduce nell’assenza del coprifuoco, e nella caduta delle limitazioni per i ristoranti che, come del resto i bar, potranno rimanere aperti anche di sera. Resta in vigore l’obbligo di mascherina e di distanziamento.

Cosa si può fare in zona bianca: ecco cosa prevede

Nella Sardegna in zona bianca vengono sospese, dunque, queste restrizioni: tutte le attività commerciali dell’isola potranno riaprire, nel rispetto di specifici protocolli, comprese le attività rimaste chiuse fino ad oggi. Tra queste contiamo musei, teatri, cinema, palestre e piscine.

Cosa prevede la zona bianca per gli spostamenti? Per questo genere di restrizioni, è in corso il tavolo di confronto tra Ministero della Salute, Iss e Regione Sardegna, proprio per stabilire quali limitazioni ci saranno alla mobilità, e se cadranno le restrizioni per quanto riguarda la mobilità interregionale; fatto, quest’ultimo, improbabile, in virtù dell’aumento dei casi sul territorio nazionale.

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, e nel 2018 in Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

Notizie Flash

';

I più letti

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it