Seguici sui social

Cronaca

Campania, dieci casi di avvelenamento per aver mangiato una verdura

Si tratterebbe della mandragora, stando alla sintomatologia, pianta che si può confondere con spinaci e biete

Pubblicato

il

Spinaci

È notizia delle ultime ore quella che vede dieci casi di avvelenamento in Campania, registrati in pazienti che hanno riportato di aver mangiato una verdura. Si tratterebbe della mandragora, stando alla sintomatologia, pianta che si può confondere con spinaci (avvelenati, in questo caso) e biete. Gli stessi ‘spinaci’ sono stati ritirati dal mercato in diverse province.

Spinaci avvelenati perché scambiati per mandragora: i sintomi

Dieci persone appartenenti a due nuclei familiari sono state ricoverate per intossicazione all’ospedale Santa Maria Delle Grazie. La notizia è stata riportata dall’agenzia di stampa Agi. Secondo quanto apprendiamo, i pazienti in questione avrebbero ingerito verdura probabilmente velenosa, acquistata in diversi negozi nei comuni di Quarto e Monte di Procida.

Tutto lascia pensare all’ingerimento della mandragora, una pianta velenosa che si può facilmente confondere con spinaci, o anche con le biete. In apparenza, questa pianta è molto simile agli spinaci freschi o ad altri tipi di lattuga, ma le sue foglie, come detto, sono davvero molto velenose per l’organismo umano se ingerite.

La pianta in questione contiene degli alcaloidi particolarmente nocivi per l’organismo. Sono gravi le condizioni di un uomo di 44 anni, ricoverato in prognosi riservata. Tra i sintomi troviamo dilatazione delle pupille, insieme a secchezza delle fauci, visione offuscata, tachicardia, sonnolenza, allucinazioni, episodi maniacali, delirio, confusione mentale ma anche febbre.

Gli ‘spinaci’ avvelenati sono stati ritirati dal mercato in diverse province della Campania. Sembra che la verdura pericolosa sia stata venduta in due diversi negozi, a Monte di Procida e a Quarto; l’Asl Napoli 2 ha iniziato alcuni accertamenti per stabilire la dinamica dei fatti. In azione anche i Nas con i tecnici di prevenzione dell’azienda sanitaria locale, al momento in giro nei principali mercati della zona per capire se fasci di verdura pericolosi siano ancora in commercio, o se siano stati già ritirati.

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, e nel 2018 in Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

';

Notizie Flash

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it

error: Contenuto protetto!