Seguici sui social

Attualità

Artesanía Cerdá, come un’azienda locale ha raggiunto l’espansione internazionale: la storia di successo

Grazie alla partecipazione a fiere nazionali e internazionali e al suo atteggiamento pionieristico nei confronti della digitalizzazione, Artesanía Cerdá è riuscita a passare dall’essere un’azienda locale di un paese della provincia di Valencia all’essere un’azienda leader nel suo settore a livello internazionale

Pubblicato

il

Computer Pc

Attualmente, Artesanía Cerdá si è posizionata come una delle aziende leader nel settore dei prodotti su licenza in diversi Paesi europei, collaborando con marchi famosi come Disney, Marvel, Star Wars, Warner Bros, Paw Patrol o Peppa Pig, tra gli altri; e le cui linee di prodotti spaziano dall’abbigliamento e dalle calzature per bambini e adulti agli accessori per animali domestici.

Ma non è sempre stato così: fondata nel 1972, Cerdá è nata come azienda familiare che progettava e produceva prodotti di cartoleria da regalo e in rilievo a l’Olleria, una cittadina della provincia di Valencia. 

Anni dopo, di fronte all’agguerrita concorrenza nel settore dei souvenir, l’azienda decise di entrare nel settore dei prodotti su licenza, diventando partner di Disney nel 1987, sempre concentrandosi sui prodotti da regalo e di cartoleria, ma espandendosi e ampliando le categorie negli anni successivi.

Artesanía Cerdá si sta facendo un nome nel settore

Così, all’inizio del 2000, Cerdá ha iniziato a partecipare a importanti fiere del settore, come l’annuale Fiera Internazionale della Cancelleria e del Materiale per l’Ufficio (DIPA) di Valencia, e successivamente, nel 2008, alla Fiera Internazionale Intergift, il primo contatto dell’azienda con il mercato dei prodotti da regalo al di fuori della Spagna.Rafael Artesania Cerda

Da quel momento Cerdá ha iniziato una parte della sua espansione commerciale, concentrandosi sulle fiere internazionali PaperWorld di Francoforte e Spielwarenmesse, la fiera del giocattolo più importante del mondo, a Norimberga, entrambe in Germania.

 “Abbiamo iniziato con uno stand di soli 24 m2, che nel corso degli anni è diventato uno stand di 300 m2“, ricorda Rafael Cerdá, direttore commerciale e proprietario di Artesanía Cerdá, “A poco a poco i giorni tra una fiera e l’altra si sono accorciati. Siamo arrivati al punto che io e mio fratello prendevamo lo stand a Francoforte e andavamo con il furgone a Norimberga per allestirlo, perché il giorno dopo sarebbe iniziata l’altra fiera”.  

Quando le date delle fiere si sono sovrapposte, il team ha deciso di continuare ad andare a Norimberga, in quanto si era affermata come fiera leader nel settore dei giocattoli e dei regali. Cerdá si era già fatta un nome in questo settore. 

Il passaggio alla digitalizzazione

Nel 2007, Artesanía Cerdá ha creato il suo primo sito web, nel quale ha investito sforzi per aggiornarlo e trasformarlo in uno strumento essenziale per promuovere l’azienda. 

Poi, il 2017 ha segnato un punto di svolta per Cerdá: nel bel mezzo della crisi del settore delle licenze, ha deciso di lanciare la sua espansione internazionale globale, optando per una strategia di marketing digitale per attirare i clienti. 

Attraverso l’inbound marketing rivolto alle aziende B2B, iniziano a contattare i clienti, prima a livello nazionale e in una seconda fase con un focus strategico internazionale.  

“Grazie all’implementazione di una metodologia ben gestita e ben lavorata, in Cerdá siamo passati dal metodo tradizionale di prospezione, con agenti internazionali, all’implementazione di tecniche SEO. Grazie ai contenuti generati sul blog, all’uso di parole chiave ben posizionate nei browser e al miglioramento dell’esperienza dell’utente, abbiamo ottenuto un ritorno sull’investimento molto più elevato di quanto inizialmente previsto, rendendoci leader digitali nel nostro settore”, afferma Rafael Cerdá.

Parallelamente, dal 2012 l’azienda sta lavorando alla digitalizzazione interna, che le darà un grande vantaggio competitivo rispetto alle altre aziende, soprattutto nel 2020 con il COVID 19 e il conseguente blocco globale.

“Così, quando nel 2020 le persone sono rimaste chiuse in casa e il digitale è diventato l’unico canale di contatto con i clienti, in Cerdá siamo stati in grado di continuare la nostra attività attraverso il telelavoro, i nostri servizi digitalizzati e il nostro sito web”, spiega Rafael Cerdá.

Questa digitalizzazione precoce avrebbe portato Cerdá a raggiungere la leadership digitale nel settore delle licenze, trasformando ciascuno dei suoi servizi con una chiara attenzione alla tecnologia.

Consolidare la leadership digitale

Oggi, con oltre il 60% delle vendite provenienti dalle esportazioni, Artesanía Cerdá ha consolidato la sua posizione di partner affidabile per i prodotti in licenza di molte aziende in diversi Paesi europei.

Nei prossimi anni, Cerdá si concentrerà “sulla continua evoluzione digitale, sullo sviluppo di vari progetti legati alla sostenibilità e all’eco-design, sulla presenza alle fiere internazionali e, come in passato, sulla cura delle persone che fanno parte di Cerdá, per continuare a creare i Piccoli Momenti della Vita insieme ai nostri clienti, fornitori e al nostro team”. 

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, e nel 2018 in Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

';

Notizie Flash

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it