Seguici sui social

Cronaca

Avellino, Ragazzo picchiato perché cinese: indagini in corso

“Mi chiamano “coronavirus” e un mio collega è stato anche picchiato”. Indagini dei Carabinieri sono in corso dopo la denuncia choc di Young Xin Liu

Pubblicato

il

Carabinieri di notte
foto: teleuniverso.it

Il “coronavirus” è diventato ormai un argomento di preoccupazione per tanti cittadini. Purtroppo questa pandemia è divenuta anche una discriminante per molti per dare sfogo al razzismo. Nei giorni scorsi, una giovane cinese ha denunciato in un’intervista a Primativvù, un’aggressione subita da un suo connazionale da parte di ignoti, motivata proprio dalla vicenda legata al virus.

Avellino, ragazzo picchiato perché cinese: la denuncia di una sua connazionale

Nella trasmissione “Raid“, in onda sull’emittente locale, Young Xin Liu, studentessa del conservatorio di Avellino “Cimarosa“, si è fatta portavoce dei circa cento studenti orientali che frequentano la struttura. Alla domanda di possibili disagi, atti di discriminazione, la giovane ha messo il luce il fatto di essere stata additata con nomignoli e che un suo amico è stato malmenato proprio a causa del suo “essere cinese“.

Dopo le sue dichiarazioni, la Procura della Repubblica ha incaricato i carabinieri della locale stazione di andare in fondo a questa vicenda, per cercare gli eventuali responsabili. Il panico tra la gente è ormai palpabile, il problema è che molti non riescono a capire che l’essere cinese non comporta essere un portatore della malattia.

È un giovane ammiratore del giornalismo in tutte le sue sfumature che prova a raccontare la verità delle cose nel migliore dei modi. Giornalista praticante, attivista antimafia e ogni tanto scrittore di pensieri.

';

Notizie Flash

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it