Seguici sui social

Web

Commemorazione dei defunti, una giornata di preghiere e tradizioni

Una ricorrenza molto importante per tutti i fedeli, che in questo giorno commemorano i propri cari defunti

Pubblicato

il

Cimitero Commemorazione Morti

È una delle ricorrenze più sentite dell’autunno italiano, e non solo, la commemorazione dei defunti. Il giorno del 2 novembre è un’occasione per tutti i cristiani per commemorare le persone care scomparse e, in generale, dedicare loro una giornata di preghiera. Ecco alcune frasi da inviare come buongiorno per il 2 novembre 2022, nonché alcune poesie per questa giornata particolare.

Frasi di buongiorno e buon 2 novembre 2022: le più emozionanti da inviare su WhatsApp

Il 2 novembre è una giornata molto importante per tutti i fedeli, che in questo giorno commemorano i propri cari defunti. Un’occasione che ha ispirato, come vedremo anche in seguito, tantissimi poeti, che hanno dedicato alla giornata dei pensieri davvero profondi. Ecco alcune frasi da inviare ad amici e parenti via WhatsApp. Qui, invece, dove trovare alcune immagini dedicate al 2 novembre.

  • Il dolore è sordo, il dolore è muto. Il dolore è sordomuto. Sordo perché ascolta solo sé stesso, muto perché non ci sono parole che possano parlarne.
    A. G. Pinketts, L’assenza dell’assenzio
  • Questa candela è per te che sei lassù… Che questa luce ti raggiunga e ti porti il mio amore.
  • Se un giorno non mi vedessi più varcare la soglia della porta
    come sono solita fare,
    alza gli occhi al cielo turchese di un nuovo giorno
    e cercami fra le stelle che accendono la luce della volte celeste,
    fra le odoroso ginestre gialle che incorniciano le nostre colline.
    Cercami negli occhi di chi ami.
    Cercami nel silenzio del tuo Cuore.
    Stephanie Sorrel
  • Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
    (Eugenio Montale)

Poesie per la commemorazione dei defunti: “A Livella” di Totò

Quando si parla di poesie dedicate al 2 novembre non possiamo che fare riferimento alla celebre “‘A Livella” di Totò, al secolo Antonio de Curtis, straordinario attore e poeta napoletano. Ve ne riportiamo qui, per praticità, le prime due e le ultime due strofe.

Ogn’anno,il due novembre,c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

[…]

‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti…nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie…appartenimmo à morte!”

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, e nel 2018 in Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it

error: Contenuto protetto!