Seguici sui social

Web

Cosa significa per Bitcoin, Coinbase e gli Stati Uniti il nuovo divieto della Cina sulle criptovalute

Analizziamo le implicazioni dell’annuncio della Cina, il suo impatto sugli scambi negli Stati Uniti e altrove e cosa potrebbe significare per le valute digitali nel 2022 e oltre

Pubblicato

il

Bitcoin criptovalute
Foto: Pexels.com

L’epicentro del mining di Bitcoin ha deciso di chiudere. Il 24 settembre, la Banca centrale cinese ha dichiarato illegali tutte le transizioni legate alle criptovalute, citando preoccupazioni sulle frodi legate al gioco d’azzardo e sul riciclaggio di denaro. La mossa ha innescato un forte calo dei mercati; alcuni investitori si sono affrettati a scaricare le loro partecipazioni e il prezzo di Bitcoin è sceso di quasi il 10% dopo l’annuncio, prima di riguadagnare rapidamente il terreno perduto.

La repressione delle criptovalute in Cina arriva quando i governi di tutto il mondo, compreso quello degli Stati Uniti, iniziano a unire le loro posizioni ufficiali sulle risorse digitali e le valute virtuali. Il governo cinese è stato a lungo dubbioso sulla criptovaluta, quindi la mossa per vietarla completamente non è del tutto sorprendente. Di seguito, analizziamo le implicazioni dell’annuncio della Cina, il suo impatto sugli scambi negli Stati Uniti e altrove e cosa potrebbe significare per le valute digitali nel 2022 e oltre.

Qual è stata la posizione ufficiale della Cina che ha portato al divieto?

La Cina è stata a lungo cripto-scettica. Nel 2013, la nazione ha vietato alle banche cinesi di gestire Bitcoin. Nel 2017, la Cina ha vietato le offerte iniziali di monete, la versione crittografica di un’offerta pubblica iniziale, in cui una startup di criptovaluta vende monete o token per raccogliere fondi per l’impresa. La People’s Bank of China, che è la banca centrale del paese, le ha definite una forma illegale di raccolta fondi.

Di recente, la Cina ha preso di mira le operazioni di mining all’interno dei suoi confini. Nel 2019, il pianificatore statale cinese ha espresso interesse a vietare l’estrazione di Bitcoin. Per fortuna, in Cina c’è chi ancora può scambiare le valute digitali. Per saperne di più sullo scambio di criptovalute, in Cina, ma anche nel resto del mondo e iniziare a fare trading, puoi visitare il sito web Bitcoin Prime. Molti utenti, anche cinesi, hanno già iniziato a utilizzare questa applicazione, investendo un capitale davvero molto basso e iniziando a guadagnare denaro sin dal primo giorno. Inoltre, a questa applicazione si possono avvicinare anche i principianti che non hanno mai avuto a che fare con estrazione e trading di criptovalute.

E all’inizio di quest’anno, il governo cinese ha messo fuorilegge il mining di criptovalute in varie province, incluso l’epicentro del mining di Bitcoin, il Sichuan. Non è ancora chiaro in che modo il divieto influirà sull’e-CNY, la valuta digitale sostenuta dallo stato cinese.

Pubblicità

Quanto è centrale la Cina per il mining di criptovalute?

Fino ad ora, la maggior parte del mining di criptovalute al mondo ha avuto luogo in Cina, con gli Stati Uniti al secondo posto. Secondo l’Università di Cambridge, nell’aprile 2021, il 47% di tutto il mining di criptovalute è avvenuto in Cina. Al contrario, gli Stati Uniti hanno rappresentato il 16,8% del mining di criptovalute del mondo nello stesso mese.

A breve termine, probabilmente, tutto questo cambierà. Anche prima dell’annuncio ufficiale, era già in corso una sorta di migrazione. E alcuni giorni dopo l’annuncio, le autorità della provincia cinese della Mongolia interna hanno sequestrato oltre 10.000 computer appositamente personalizzati per il mining di criptovalute.

Il divieto cinese avrà un impatto sul prezzo del Bitcoin?

Dopo l’annuncio ufficiale della Cina che vieta la valuta digitale, “China FUD” ha iniziato a fare tendenza su Twitter. Molti utenti si sono affrettati a sottolineare che le precedenti dichiarazioni cinesi sulle criptovalute avevano prodotto “paura, incertezza e dubbio”, ma sono state seguite da flessioni di breve durata e non dovrebbero essere prese troppo sul serio. Infatti, il lunedì successivo, il prezzo di Bitcoin era più o meno lo stesso di prima dell’annuncio.

In che modo il divieto influisce sugli exchange di criptovalute?

Il divieto della Cina si estende agli exchange di criptovalute che fanno affari con cittadini cinesi, anche se si trovano al di fuori della Cina. Gli exchange di criptovalute stanno ora lottando per capire come trattare con i clienti cinesi. Coinbase, che è uno dei più importanti exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti, non ha commentato pubblicamente il divieto. Ma gli investitori hanno evitato la sua vendita di obbligazioni di debutto sulla scia dell’annuncio, secondo Bloomberg.

Pubblicità

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: Culturando APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Atzori, 123 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it

error: Contenuto protetto!