Seguici sui social

Web

Ecosia: che cos’è, come funziona e quanto è affidabile il motore di ricerca

Tutto ciò che c’è da sapere sul motore di ricerca a tema ecologico

Pubblicato

il

Ecosia

Piantare alberi bazzicando sul web? Da un po’ di tempo questo è realtà grazie ad Ecosia, un nuovo motore di ricerca interamente dedicato al mondo dell’ecologia. Ma che cos’è questo strumento che, per molti, rappresenta una vera novità? Ecco tutto ciò che c’è da sapere su come funziona, e se è davvero affidabile come sembra.

Che cos’è Ecosia, il motore di ricerca che pianta alberi

In un’epoca così interessata a Greta Thunberg e alla sua battaglia per combattere il surriscaldamento globale e l’impazzito cambiamento climatico che sta interessando un po’ tutto il mondo, le coscienze dei popoli sembrano essere in una leggera fase di risveglio.

Sebbene questo interessamento risulti ancora troppo superficiale, dato che c’è ancora tantissimo da lavorare per evitare l’estinzione della razza umana, il fatto che in tantissimi sul web discutono su questo tema, ha fatto sì che un nuovo motore di ricerca raggiungesse la popolarità.

Si tratta, come abbiamo già accennato, di Ecosia, il motore di ricerca che si propone di piantare un albero con i profitti ricavati dalle ricerche degli utenti della Rete. Ogni volta che una persona effettua una ricerca tramite Ecosia, racconta il sito, viene finanziata la ricerca per piantare alberi nei luoghi dove la natura e l’uomo risentono maggiormente della loro carenza.

Ecosia come funziona: tutto ciò che c’è da sapere

L’avventura di Ecosia è partita a Wittenberg (Germania) il 14 dicembre 2009, quando il fondatore Christian Kroll, in associazione con Bing, Yahoo ed il WWF, ha sviluppato questo progetto che destina l’80% dei propri introiti a WWF per la salvaguardia della foresta tropicale.

Si tratta di un meccanismo, questo, sviluppato tramite una tecnologia ideata da Yahoo, del quale, probabilmente, il motore sfrutta anche i risultati di ricerca per ogni parola chiave immessa. Ma Ecosia funziona? Sembrerebbe di sì, dato che lo stesso portale ufficiale riporta come in questo momento siano stati piantati circa 62 milioni di alberi. Un numero, questo, in continua crescita.

Inoltre, come dice il sito, i server di Ecosia sono alimentati con energia 100% rinnovabile, e non memorizzano dati permanentemente, evitando di creare file su noi utenti a partire dalla cronologia di ricerca. Inoltre, non vende dati delle ricerche a inserzionisti senza il permesso dei diretti interessati. La privacy, come possiamo evincere, sembra essere una priorità.

Ecosia è affidabile? Come scaricare l’app

Ecosia risulta affidabile? Sebbene in rete se ne parli come un’estensione portatrice di virus, e alcuni antivirus la riconoscono come tale, non ci sono fonti autorevoli che confermano questa tesi.

Scaricare questo motore di ricerca è molto semplice: basta collegarsi al sito ufficiale di Ecosia, e seguire i passaggi per aggiungere l’estensione al proprio browser. Qualora invece vogliate scaricarla come app sul proprio smartphone, tablet o dispositivo mobile, basterà collegarvi al vostro store, cercare Ecosia ed effettuare il download senza spendere alcunché.

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, e nel 2018 in Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

';

Notizie Flash

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it