Seguici sui social

Cronaca

Guerra in Medio Oriente, altri due giorni di tregua a Gaza dopo intesa tra Israele e Hamas

L’accordo prevede il rilascio di 20 ostaggi israeliani, a una media di 10 per ogni giorno aggiuntivo di cessate il fuoco, in cambio della liberazione di 60 detenuti palestinesi

Pubblicato

il

Bandiere di Israele e Palestina

Attraverso la mediazione di Qatar, Egitto e Stati Uniti, è stato raggiunto un accordo tra Israele e Hamas per estendere la tregua in atto a Gaza. Questo accordo, nell’ambito della guerra in Medio Oriente, prevede il rilascio di 20 ostaggi israeliani, a una media di 10 per ogni giorno aggiuntivo di cessate il fuoco, in cambio della liberazione di 60 detenuti palestinesi, seguendo un rapporto di 1 a 3. Lo riporta una nota Ansa.

Tra i liberati da Gaza ci sono stati 11 prigionieri, tra cui 9 bambini e 2 madri del kibbutz di Nir Oz, in cambio di 30 minori e tre donne palestinesi, tra cui Yasmin Shaaban e Etaf Jaradat di Jenin, e Nufouth Hamad di Gerusalemme est.

Guerra in Medio Oriente, Biden accoglie positivamente la proroga della tregua

Il leader di Hamas, Yahya Sinwar, ha mostrato la sua presenza a Gaza incontrando alcuni degli ostaggi nei tunnel e parlando con loro in ebraico. Questa estensione della tregua, che includeva anche l’ingresso di aiuti umanitari nella Striscia di Gaza, era in linea con l’accordo originale, che mirava alla liberazione di 50 ostaggi israeliani in cambio di 150 palestinesi, ma la sua realizzazione non era scontata.

La proroga della tregua è stata accolta positivamente dal presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, e dal segretario generale dell’ONU, Antonio Guterres, che l’hanno vista come un segno di speranza. Hamas ha indicato che i futuri scambi potrebbero includere non solo donne e bambini, ma anche altri ostaggi, come i soldati israeliani rapiti il 7 ottobre, con trattative condotte separatamente da quelle per i civili.

Il processo di rilascio degli ostaggi e dei detenuti palestinesi ha incontrato alcune difficoltà, con Israele che ha accusato Hamas di separare le famiglie e Hamas che richiedeva il rilascio di sei detenuti arrestati prima del 7 ottobre. Tuttavia, nonostante questi ostacoli, l’accordo è stato raggiunto e gli ostaggi rilasciati sono stati portati negli ospedali per visite mediche.

Pubblicità

Nonostante questa pausa nei combattimenti, il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha avvertito che i combattimenti futuri potrebbero essere più intensi e avvenire in tutta la Striscia di Gaza, sottolineando che la guerra potrebbe non essere ancora conclusa.

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, e nel 2018 in Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: Culturando APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Atzori, 123 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it

error: Contenuto protetto!