Seguici sui social

Cronaca

Università di Fisciano, morta una ragazza: è caduta dal parcheggio multipiano

Sul posto le forze dell’ordine, che hanno effettuato tutti i rilievi per determinare la dinamica di quanto accaduto

Pubblicato

il

Ambulanza del 118

Ancora una tragedia all’Università di Salerno: al Campus di Fisciano, una giovane ragazza è morta dopo essere precipitata dal parcheggio multipiano dell’ateneo, che si trova nelle vicinanze dell’uscita autostradale che conduce proprio al Campus dell’Unisa. La caduta di diversi metri è stata fatale alla giovane. La vittima, D.P., è una 30enne di Centola, ex studentessa.

Sul posto sono giunti i sanitari della Solidarietà di Fisciano e della Croce Rossa, che non hanno potuto far altro che constatare il decesso della ragazza. Come riportato dal portale zon.it, sul luogo delle tragedia sono arrivati anche i carabinieri e gli agenti della Polizia Municipale, che hanno effettuato tutti i rilievi del caso per determinare l’esatta dinamica di quanto accaduto: gli inquirenti, per il momento, non escludono nessuna ipotesi, dalla tragica fatalità al gesto volontario.

Ragazza morta all’università di Fisciano, il cordoglio del sindaco Vincenzo Sessa

Cordoglio per la tragica scomparsa della studentessa è stato espresso anche dal sindaco di Fisciano, Vincenzo Sessa, che su Facebook ha scritto: “Ancora una tragedia che ci lascia attoniti. Qualche ora fa una giovane ragazza è precipitata dal parcheggio multi piano in prossimità dell’uscita autostradale dell’Università. La caduta di diversi metri è stata purtroppo fatale. Esprimo a nome mio personale e dell’intera Città di Fisciano vicinanza ai genitori e alla famiglia tutta“.

';

I più letti

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it