Seguici sui social

Politica

Ultima Ora, Draghi a stampa estera: “Italia richiesta come garante da Russia e Ucraina”

Il Presidente del Consiglio ha spiegato che l’Italia è stata “richiesta come garante da Russia e Ucraina per l’attuazione di eventuali clausole negoziali. In effetti – ha sottolineato il premier – le posizioni delle due parti si sono un po’ avvicinate”, ma sono “cauto perché c’è ancora molto scetticismo”.

Pubblicato

il

Mario Draghi presidente del Consiglio

La guerra tra Ucraina e Russia è da oltre un mese che sta provocando morte e distruzione. I colloqui tra le delegazioni dei due paesi sono ancora in una fase di stallo. Con il prolungarsi del conflitto, la pressione sul presidente Putin aumenta sempre di più e lo dimostra anche il cambio di strategia degli ultimi giorni.

Le condizioni” da parte di Putin per un cessate il fuoco “non sono mature ma è stato aperto poi il corridoio di Mariupol che è la notizia che avete visto oggi“. È quanto dichiarato dal premier Mario Draghi durante l’incontro con la stampa estera riferendo del colloquio con il capo del Cremlino.

Il presidente del Consiglio ha poi aggiunto: “Ho espresso la mia convinzione che per risolvere nodi cruciali serve un incontro con Zelensky che lo sta chiedendo dall’inizio. E Putin mi ha risposto che tempi non maturi. Uno dei punti di Putin è che ci sia piccoli passi avanti nei negoziati“.

Guerra Russia-Ucraina, Draghi: “Italia richiesta come garante”

Il presidente Draghi ha spiegato che l’Italia è stata “richiesta come garante da Russia e Ucraina per l’attuazione di eventuali clausole negoziali. In effetti – ha sottolineato il premier – le posizioni delle due parti si sono un po’ avvicinate”, ma sono “cauto perché c’è ancora molto scetticismo“.

Tutti desideriamo vedere uno spiraglio di luce. Le sanzioni funzionano, alla pace si arriva se l’Ucraina si difende, altrimenti non si arriva alla pace“, ha aggiunto. “In tutto questo ho riaffermato la disponibilità dell’Italia” a collaborare per costruire un percorso di pace “che è stata accolta e la telefonata si è conclusa con l’intenzione di mantenersi in contatto“.

Draghi: “Esiste uno spazio per la Cina nella risoluzione conflitto”

Sul ruolo della Cina, Draghi ha sottolineato “Ho aspettative positive. La Cina potrebbe diventare un protagonista di prima grandezza nel processo di pace. Bisogna vedere se le aspettative saranno confermate. Uno spazio per il ruolo della Cina” nella risoluzione del conflitto “esiste e verrà toccato nel vertice Ue-Cina” insieme alla “transizione climatica, alla biodiversità, al commercio che è un tema importante perché si tratta di riparare le relazioni commerciali che in questi ultimi anni sono state frammentate: devono vedere equità internazionale, standard da rispettare“, ha concluso.

';

Notizie Flash

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it