Seguici sui social

Cronaca

Ucraina, Mosca: “Secondo le logiche della Gran Bretagna possiamo colpire Paesi Nato”

Alta tensione tra Londra e Mosca, dopo alcune dichiarazioni degli inglesi che legittimavano gli attacchi degli ucraini ad alcuni depositi di carburante in territorio russo

Pubblicato

il

Vladimir Putin

La guerra in Ucraina si è concentrata nel Donbas, dove è in corso una forte offensiva delle truppe russe. Nelle ultime ore, in seguito ad alcuni attacchi ucraini in territorio russo, era arrivata la legittimazione di questi da parte della Gran Bretagna, anche in caso di utilizzo delle armi fornite dall’Occidente. La risposta di Mosca non si è fatta attendere, con il Cremlino che ha affermato che “secondo questa logica, la Russia può colpire i Paesi Nato“.

Guerra in Ucraina, Mosca risponde alle dichiarazioni della Gran Bretagna

Maria Zacharova, portavoce del ministero degli Esteri russo, rispondendo sul suo profilo Facebook alle affermazioni del viceministro della Difesa di Londra, James Heappey, ha scritto:

Se il governo britannico considera legittimo l’uso da parte di Kiev di armi ricevute dall’Occidente per colpire in profondità le linee di rifornimento di Mosca in territorio russo in modo da limitare perdite e distruzione, la Russia potrebbe ritenere altrettanto legittimo prendere di mira “in profondità le linee di rifornimento” ucraino fin “dentro quei Paesi i quali trasferiscono all’Ucraina armi che pure producono morte e distruzione“.

Nato ad Avellino nel maggio '95 è un giornalista, attivista antimafia e talvolta scrittore un po' troppo malinconico. Grande appassionato di sport, divoratore di libri e ascoltatore incallito dei Pearl Jam.

';

Notizie Flash

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 - [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it

error: Contenuto protetto!