Seguici sui social

Politica

Il commissario Ue Oettinger: “I mercati insegneranno agli italiani come si vota”

Il tedesco ha rilasciato alcune dichiarazioni che faranno sicuramente discutere: “L’Italia continuerà a pagare più di quanto le torna indietro”

Pubblicato

il

Gunther Oettinger
foto: Handelsblatt Global

Un momento senza dubbio molto delicato per l’Italia, che si trova ad affrontare una situazione con davvero pochi precedenti. Mattarella boccia il governo con Savona ministro dell’Economia, mentre M5S e Lega gridano all’impeachment per il Presidente della Repubblica per attentato alla Costituzione.

Le polemiche a favore e contro l’Unione Europea si sprecano. In molti, infatti, sostengono che la scelta di non approvare la lista dei ministri sia legata a interessi di Mattarella con la Comunità Europea. Una questione davvero spinosa per il Capo dello Stato, che si trova a fronteggiare una pioggia di critiche senza precedenti.

Oettinger: “L’Italia contribuirà a pagare più soldi di quanti non gliene tornino”

Queste non vengono certo spente dalle parole di un funzionario comunitario. Anzi. Quest’oggi il commissario UE Gunther Oettinger, tedesco, ha rilasciato alcune dichiarazioni che faranno sicuramente scalpore: “Abbiamo fiducia nel Presidente italiano, il quale ha richiamato i partner di coalizione del possibile governo ai loro diritti e doveri, che derivano dall’adesione all’Unione Europea e all’Eurozona“.

Quest’ultimo pezzo è tratto da un articolo di un giornalista belga, Bernd Thomas Riegert, che ha poi cancellato il tweet. Queste le dichiarazioni: “Oettinger non condivide il timore che i partiti populisti possano diventare ancora più forti nelle eventuali nuove elezioni e che ciò potrebbe portare all’uscita dall’Italia dall’Eurozona o addirittura dalla stessa Ue. Il Commissario si aspetta piuttosto che i mercati e l’andamento dell’economia italiana possano essere un segnale per l’elettore: non votare i populisti. Oettinger si è mostrato allo stesso tempo ottimista sul fatto che l’Italia continuerà a essere un contributore netto, pagando cioè più soldi all’Ue di quanti non gliene tornino indietro. Pare abbia detto che i mercati insegneranno agli italiani a votare in modo giusto“.

Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, è fotoreporter e aspirante giornalista nel settore dell'informazione sportiva. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione nel 2016 presso l'Università degli Studi di Salerno, attualmente studia Corporate Communication e Media nello stesso ateneo. Passionale, creativo, amante della comunicazione face-to-face, è da sempre patito di calcio, del quale è affascinato in ogni sua sfaccettatura. Ha praticato la pallacanestro a livello agonistico per diversi anni. Tra i suoi hobby non si possono tralasciare la musica, la fotografia e la cucina.

I più letti