Seguici sui social

Cronaca

Benevento, arrestato 71enne a Frasso Telesino per violenze sessuali ai danni della figlia

L’uomo è stato ritenuto colpevole di reiterate violenze sessuali sulla figlia sin da quando questa aveva 10 anni. I fatti hanno inizio nel 1995, ma sono stati resi noti solo con una denuncia della vittima nel 2010. L’uomo deve scontare la pena di 9 anni, 11 mesi e 7 giorni di reclusione

Pubblicato

il

Arresto messo in atto dalle forze dell'ordine
Foto: tp24.it

Nella serata di ieri i carabinieri della stazione di Frasso Telesino hanno arrestato un 71enne su ordine della procura di Benevento in seguito ad una sentenza emessa dalla Corte di Appello di Napoli. L’uomo è stato condannato per violenze sessuali reiterate nei confronti della figlia, all’epoca dei fatti minorenne.

Il Tribunale di Benevento, nel maggio del 2016, aveva inflitto quasi 10 anni all’uomo per aver abusato per sedici anni della figlia e con la conferma della pena in appello, la condanna è diventata definitiva. I militari dell’Arma hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere: il 71enne è stato così condannato a 9 anni, 11 mesi e 7 giorni di reclusione e rinchiuso nel carcere di Benevento.

Le indagini dei carabinieri, coordinate dalla Procura sannita, hanno permesso di accertare che le violenze sessuali dell’uomo ai danni della figlia sono cominciate nel 1995, quando la bambina aveva 10 anni, e sono andate avanti per molto tempo, ma sono venute alla luce soltanto nel 2010, a seguito di una denuncia presentata dalla giovane vittima. Determinante per la ricostruzione dei fatti si è giunti anche grazie alla alla testimonianza di familiari e conoscenti.

Notizie Flash

';

I più letti

Zetanews.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Nocera Inferiore n° 9/2019 dell' 11 dicembre 2019 RC 19/1808 - Editore: AGER AGRI APS, con sede in Nocera Inferiore (SA), via Libroia, 41 [email protected] - © Riproduzione Riservata – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.zetanews.it